alcune messaggi dal circolo

Da circolo Giamporcaro messaggi  e commenti di Antonio Casano e Sergio Minoli

 

Oggi 19 Maggio si  è   conclusa la passeggiata di primavera organizzata dal C.Culturale V.Giamporcaro e dall’ Associazione Aeronautica Militare con una partecipazione numerosa di partecipanti  ,che entusiasti  hanno assistito alla lezione di geologia che il geologo Silvio Rotolo ha tenuto sul luogo  avvalendosi delle pietre di Pantelleria che testimoniano ancora la storia geologica .

Un sentito grazie va  Giovanni Bonomo che rappresenta  una guida collaudata per la scoperta dell’ isola.

 

 

Andar per isole .

La nostra non è  stata mai un’ isola isolata .

Aveva rapporti con Lampedusa e con Malta come lo aveva con Lipari.

I lampedusani ,quando l’ ospedale era ritenuto idoneo ai parti venivano a partorire in quest’ isola ed non era strano che qualche pantesco si sposava con una lampedusana o che i lampedusani venivano a vendere il loro pescato conservato in scatole ,e che si andava a Lipari a vendere i capperi ,tutto  questo per dire che Pantelleria faceva parte di un circuito, ricordo che i giocatori di briscola e tresette che al Cral quando avevano dubbi di gioco  esclamavano : “Vai prendere la

Mauta con questo buio” era un detto frequente a me non comprensibile ,ma quando ho sentito che una donna di cognome Di Malta   la chiamavano Rosa Mauta anziché Rosa Di Malta  mi fu tutto chiaro .

Va prendi Mauta con questo scuro voleva significare quello che dicevano i nostri capitani di barche che andavano a Malta.Volevano semplicemente dire che con il buio che c’era non era facile vedere l’ isola di Malta .

HA FESTEGGIATO IL 25ESIMO ANNO IL CENTRO CULTURALE DI PANTELLERIA
Al piano terra e al primo piano di via Manzoni, 72, al Capoluogo, abbiamo visitato la sede del C.C.V.G. (Centro Culturale Vito Giamporcaro), una delle più antiche e note Associazioni Culturali dell’Isola, costituitasi nel 1993 con atto notarile e insediata nei locali sopra ricordati, donati a tale scopo al Comune di Pantelleria da un suo illustre concittadino: Vito Giamporcaro.

Lo”Statuto” del CCVG è datato 8 novembre 1993 e riporta gli obiettivi e le finalità dell’Associazione (Promozione di iniziative socio-culturali e di tutela del patrimonio storico, culturale, artistico, archeologico, paesaggistico e folcloristico dell’Isola di Pantelleria; Sensibilizzazione della comunità con particolare riguardo ai Giovani e degli organi competenti, ai problemi di interesse socio.economico-culturale di Pnl; Organizzazione di incontri, conferenze, convegni, seminari, corsi di studio e ricerca, feste tradizionali e folcloristiche, mostre e manifestazioni artistiche, musicali e di moda, sportive e ricreative; Promozione di iniziative atte ad incrementare l’interesse turistico, anche a livello internazionale a favore di Pantelleria; Iniziative a tutela dell’ambiente, Organizzazione di manifestazioni periodiche artistiche e culturali con la partecipazione dei Paesi del bacino del Mediterraneo, nonché di altri paesi stranieri).

Il CCVG ha sempre portato avanti con serietà e determinazione queste finalità sia da solo, che in collaborazione con Enti Pubblici e Privati (recente la costituzione della Associazione di Associazioni “Insieme per l’Inverno”, composta anche dal Rotary Club, dall’A.ge, dal Lions, Istituto Scolastico Superiore e dal giornale on-line Pantelleria-Internet).

Il Fiore all’occhiello del CCVG potrebbe essere un quadrifoglio perché sono praticamente quattro le sue iniziative più incisive sul territorio :

– Gestione dell’unica biblioteca di una certa consistenza, presente sull’Isola.
-Visite guidate al Territorio (oggi Parco Nazionale).
– Edizione mensile, on-line, dello storico “Panteco”: l’Eco di Pantelleria.
– Corsi di formazione, di lingua, di lettura, d’arte e doposcuola per Giovani e Giovanissimi.

Avendo una sede propria il CCVG ospita spesso e volentieri, nei suoi locali, altre Associazioni per riunioni e attività varie, comprese conferenze, recita poesie, incontri culturali, intrattenimenti e proiezioni.

In occasione del suo 25esimo anno di attività, il Presidente del CCVG Antonio Casano, lancia un appello finalizzato al reclutamento di ulteriori Soci che con la loro quota di iscrizione annuale (poco più di 30 euro) sono gli unici finanziatori di tutte le attività e di tutte le spese dell’Associazione.
L’invito è rivolto a tutti coloro che nella cultura vedono uno dei più potenti antidoti contro le insidie e i “veleni” che l’odierna società sembra quotidianamente proporre a tutti noi.
Sergio Minoli

I commenti sono chiusi.