Difendiamo lo Zibibbo di Pantelleria. di Antonio Casano

La salvaguardia di un vino di eccellenza è di solito assicurata da un disciplinare, la prima cosa che fa è  ancorarlo al territorio d’origine e nessun territorio può  essere ben delimitato come quello di un’isola come Pantelleria.

Che ora si può allargare il territorio è  per chi conviene una possibilità da valutare .

Ma Noi siamo alla distanza di 80 miglia dalla Sicilia e produciamo prodotti diversi chiamiamoli zibibbo tutti ma se  analizziamo con analisi di laboratorio,(estratto/secco) e constatiamo che non possiamo miscelare  queste uve per fare un moscato di Pantelleria- Sicilia .

Se proprio si insiste e chiamare zibibbo una uva non di Pantelleria allora ognuno si tenga il suo zibibbo ed i panteschi facciano di tutto per salvaguardare lo zibibbo di Pantelleria.

Verso il peggio di matteolilorenzo

renziani

Mezza Italia non vota, il 30% degli elettori (0.6×0.5) vota Salvini/Dimaio o Dimaio/Salvini. Il 12% degli elettori vota PD (0.24×0.5). La sinistra-sinistra non passa il 3% e si autoelimina. Il resto non conta nulla (Berlusconi, Meloni).

Il segretario del PD, Zingaretti, impotente nei confronti della corrente renziana, impegnata in una insostenibile difesa di Luca Lotti (e del suo amico Palamara), condanna il partito alla palude dell’irrilevanza.
Il PD, che dovrebbe risorgere dalla sconfitta del 4 Marzo, è travolto da conflitti interni che sembrano insanabili.
Salvini vede la possibilità di eleggere il presidente della Repubblica nel gennaio del 2022 alla scadenza del mandato di Sergio Mattarella: se prima di quella data ci fossero elezioni (anticipate) la Lega potrebbe controllare l’accesso al Colle del Quirinale di un suo candidato.
L’Italia, in sette anni di presidenza Lega/5S, fuori dall’Euro e dall’Europa, probabilmente in default economico, diventerebbe marginale, colonizzata finanziariamente dai potenti fondi USA o, forse, da qualche ciclopica figura finanziaria multinazionale asiatica.

Difficile immaginare la nuova identità culturale del nostro paese controllato dai referenti di Dimaio e di Salvini.  Scuola, Università, TV, Stampa, nelle mani dei Bussetti, Crimi, Foa, Giletti et al.

Qualcuno potrebbe scrivere la versione italiana 2030 di Soumission (Michel Houellebecq) e sarebbe una interessante lettura.

Quello che resta della sinistra post-PCI, che ha soffocato per cinquant’anni la possibile evoluzione socialdemocratica dallo stalinismo, incapace di pensare e di esistere dopo il crollo del Muro di Berlino del 1989, sistematicamente dedita alla pratica dello scissionismo settario di leader spocchiosi, ha una enorme responsabilità in questo lugubre scenario, continua a litigare e non se ne rende nemmeno conto.

Messaggio per Zingaretti, Renzi, Lotti, Carrai, Boschi, Del Rio …etc.: liberare il campo dalle ingombranti macerie della finta sinistra decotta e lasciare spazio all’Altra Italia, progressista, socialdemocratica, laica, liberal.
Sciogliete un partito che non esiste più.

Messaggio all’Altra Italia: se ci sei, batti un colpo.

 

I commenti sono chiusi.